menu chiudi

Servizio Quesiti

AVVISO IMPORTANTE

Gentili Colleghi,

Il Servizio Quesiti OIC non sarà attivo nel periodo  a partire da lunedi 16 Settembre 2019; tornerà operativo e a Vostra disposizione prossimamente.

Si consiglia di consultare i links tematici del DataBase dei Quesiti OIC, utile supporto per l’esercizio della Professione.

Saluti,

La Responsabile del Servizio Quesiti OIC

Istruzioni per l’uso

OIC mette a disposizione di tutti gli Iscritti al nostro Albo Professionale il Servizio Quesiti: un momento di dialogo e confronto tra Colleghi, volto al chiarimento e risoluzione di questioni Professionali, qualora si necessita di uno punto di vista altro, quale quello dei referenti OIC, che prestano supporto volontario e gratuito secondo ambito tematico di competenza.

Il Servizio Quesiti OIC, operativo dall’ottobre 2013, non fornisce parere formale, ma costituisce un’attività di supporto, utile a discernere una tematica professionale di stampo generale, in trattazione in fase preliminare.

Il Servizio Quesiti costituisce un contenitore di informazioni, che OIC sceglie di condividere tra gli iscritti, dando spazio all’informazione condivisa sul proprio portale.

Il DataBase dei quesiti, centinaia quelli finora evasi, prende forma sul web e si costruisce con il contributo dei referenti delle Commissioni Tecniche OIC, coinvolti per fornire loro opinione, e di alcuni Consulenti, che prestano una Prima Consulenza Specialistica gratuita:

Consulente Legale: Avv. Antonella Piroddi
Consulente Fiscale: Dott. Commercialista Gina Venturi
Consulente del Lavoro: Dott. Maurizio Fadda

In questi casi, qualora la tematica necessiti di essere affrontata con maggiore approfondimento, sarà possibile richiedere, se l’iscritto ne esprime la volontà, un parere, a titolo oneroso per l’iscritto, che lo stesso potrà concordare in forma riservata, direttamente con il Consulente di riferimento, a titolo personale, tramite contatto intermediario del Servizio Quesiti OIC.

In materia INARCASSA (Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza per gli Ingegneri e Architetti Libero Professionisti), alcuni Colleghi referenti per area territoriale di competenza, si rendono disponibili a fornire supporto per il tramite del Servizio Quesiti OIC:

Ing. Andrea PERRIA (Città Metropolitana di Cagliari);
Ing. Massimiliano PIRAS e Ing. Massimiliano MANIS (Sud-Sardegna)

Hai un quesito di natura Professionale?
Se hai necessità di informazioni, dopo ricerche personali e/ consultazione di Enti preposti non andate a buon fine, consulta il nostro DataBase dei quesiti già trattati con altri Colleghi:

  • Utilizza il motore di ricerca che trovi qui sotto
  • Naviga all’interno delle macro-categorie che trovi più in basso.

Accertati che la risposta ai tuoi interrogativi si trovi tra i quesiti pubblicati sul nostro portale, diversamente OIC non fornirà alcun riscontro a quesiti analoghi.
Tieni sempre conto che i quesiti hanno un riferimento temporale, organizzati per data, perché tu possa disporre di un riscontro riferito allo stato attuale della normativa vigente.

Se non trovi risposta nel nostro DataBase, invia il tuo quesito.

È semplice e veloce: compila i campi del form che trovi in fondo alla pagina, con i tuoi dati e ricorda che, per poter essere inviato al Servizio Quesiti, dovrai autorizzare il Trattamento dei Dati Personali, per una corretta procedura.

I tempi di risposta sono funzionali alla reale disponibilità operativa di tutti coloro che vengono coinvolti nel fornire un punto di vista di competenza; non appena questo verrà espresso, la Responsabile del Servizio Quesiti provvederà all’evasione del riscontro e al caricamento sul web, nella categoria tematica più aderente ai contenuti.

Il tuo quesito contribuirà a formare il database a servizio di tutti i Colleghi Iscritti; sarà pubblicato senza alcun riferimento ai tuoi dati personali, in forma impersonale, per garantire la tutela della tua riservatezza.

Ultimi quesiti pubblicati

Ho ricevuto incarico da Committente Privato per isolare la copertura della sua abitazione e richiedere la detrazione del 65%. Per quanto riguarda la pratica, da presentare al Comune, è un intervento di edilizia libera, quindi (oltre la Procura) devo trasmettere tramite SUAPE il modulo “F13_ Comunicazione di inizio dei lavori per interventi di edilizia libera” e a Fine Lavori con l’2F3_ Comunicazione inizio e fine lavori”. Ciò comporta la designazione del Direttore dei Lavori, e con la Fine Lavori devo allegare anche la Relazione Tecnica (art.8, comma 1, D.Lgs. 192/2005, Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell’edilizia), ma non posso occuparmi io di redigere l’APE che gli occorre per la pratica Enea per la detrazione fiscale, è corretto? Per quanto riguarda la Relazione Tecnica (art.8, comma 1, D.Lgs. 192/2005) devo redigerla solo in merito alla copertura post lavori? Posso compilare la pratica con i dati desunti dall’APE, redatta da altro Tecnico Professionista?


Leggi tutto

Vorrei chiedere quali sono i requisiti necessari per l’iscrizione all’albo dei Consulenti tecnici di Ufficio (CTU), oltre ad essere in regola con i Crediti Formativi e con l’Assicurazione Professionale. Preciso che sto frequentando il corso CTU, attualmente in corso presso la Scuola di formazione dell’Ordine


Leggi tutto

La presente per richiedere informazioni inerenti alla costituzione di una Società di Ingegneria. Nello specifico i quesiti sono i seguenti: a. Chiedo se sia possibile la costituzione di una Srl con due soci (“1a” e “2a”) di cui: 1.a Socio non lavoratore: Ingegnere iscritto all’Albo professionale e dipendente di SPA, forma contributiva INPS, non iscritto a Inarcassa e non iscritto alla Gestione Separata), con quota societaria pari al 90%; 2.a Socio lavoratore: iscritto all’Albo Professionale e iscritto ad Inarcassa, con quota societaria pari a 10%; b. Chiedo se il direttore tecnico può essere il socio “2a”; in caso positivo, se è tenuto ad operare in esclusiva per la SRL o può continuare ad operare anche con la propria Partita Iva individuale. c. Chiedo se l’Amministratore della Srl può essere indistintamente “1a” o “2a”; in caso positivo, se per 1a sia obbligatoria una seconda forma contributiva.


Leggi tutto

Con la presente faccio osservare che l’Ente **** ha bandito un Concorso Pubblico per l’assunzione, a Tempo Indeterminato, di Ingegneri Civile, appartenente alle classi: Laurea Magistrale (LM), appartenente alla classe LM-23; Laurea Specialistica (LS) in Ingegneria Civile, appartenente alla classe 28/S; Diploma di laurea (DL), conseguito secondo il Vecchio Ordinamento in Ingegneria Civile. Tuttavia non vengono specificate le equipollenze con altre classi di Lauree Magistrali, tra cui quella in Ambiente e Territorio (LM 35) di cui sono in possesso. Vorrei sapere se, come mi risulta, le due classi LM-23 e LM-35 sono equipollenti e se, nel caso, possa partecipare al Concorso, senza incorrere in motivo di esclusione per difetto di titolo.


Leggi tutto

Qualora un’Impresa Edile, durante l’esecuzione dei lavori con Committente Privato, riferiti a un ampliamento volumetrico di un’unità residenziale, secondo l’art. 30_ Interventi di incremento volumetrico del patrimonio edilizio esistente della L.R. n.8/2015, Norme per la semplificazione e il riordino di disposizioni in materia urbanistica ed edilizia e per il miglioramento del patrimonio edilizio, avesse un Documento Unico di Regolarità Contributiva (D.U.R.C.) regolare, mentre a lavori ultimati si trovasse in situazione previdenziale non regolare, secondo la normativa vigente, considerato, che l’Impresa non ha interesse nel regolarizzare la situazione contributiva, prima di aver ricevuto il pagamento a saldo, il Committente è tenuto ad effettuare il pagamento a saldo? Si precisa che il Contratto stipulato non prevedeva alcuna clausola particolare in merito alla Regolarità Contributiva al momento del saldo. I lavori sono stati conclusi, come da opportuna Comunicazione allo Sportello Unico per le Attività Produttive e per l’Edilizia (SUAPE) nel giugno 2019; mentre il DURC dell’Impresa è decaduto nel Marzo 2019, il che significa che è stato regolare per tutta la durate dei lavori e oltre. Si chiede pertanto se in tale situazione, il Committente possa opporre rifiuto al Pagamento del saldo, motivandolo con l’assenza attuale del D.U.R.C.


Leggi tutto

A breve devo conseguire laurea triennale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio; subito dopo il conseguimento del titolo, sarei intenzionata ad avviare un Tirocinio presso una Società o uno Studio Tecnico. L’Università di Cagliari (a cui afferisco), mi ha consigliato di seguire la procedura dei Tirocini Extracurricolari, che prevede l’iscrizione alle liste dei Centri per l’Impiego (CPI). Presso i CPI mi è stato tuttavia comunicato che, essendo quella dell’Ingegnere una Professione ordinistica, non è possibile attivare un Tirocinio Professionalizzante, secondo le modalità previste dalla Regione Sardegna per i Tirocini Extracurricolari. Vorrei dunque chiedervi qual è la procedura da seguire per poter attivare un tirocinio regolamentare.


Leggi tutto

Avrei bisogno di avere informazioni in merito alla figura di Responsabile Tecnico. Mi è stato proposto di svolgere il ruolo di Responsabile Tecnico per un periodo, presso un’Azienda; potrebbe creare problemi di incompatibilità con la mia attività di libero Professionista? Come dovrei procedere per non incorrere in sanzioni?


Leggi tutto

Con riferimento alla vostra comunicazione dell’08.03.2019, riguardante le nuove modalità di fatturazione per i Consulenti Tecnici di Ufficio (CTU), considerato che il relativo Provvedimento del Tribunale è il n.224 del 21.01.2019, si chiede quale sia la procedura da porre in atto per le fatture già emesse nel periodo tra il 21/01/2019 e l’08/03/2019. Nel caso specifico, avendo emesso fattura il 06.02.2019 nei confronti della Parte, vorrei sapere se sono obbligata ad emettere nota di credito e successiva nuova Fattura, nei confronti del Tribunale o se, trattandosi di un periodo transitorio, possa comunque essere ammessa la precedente modalità di fatturazione


Leggi tutto

Ho ricevuto incarico da una Società, che produce manufatti in cemento, per il dimensionamento strutturale di solette per pozzetti in calcestruzzo armato, carrabili, di varie dimensioni. Premesso che ho conseguito la Laurea Magistrale in Architettura (Classe LM-4, ai sensi del D.M. 270/2004, Modifiche al regolamento recante norme concernenti l’autonomia didattica degli atenei, approvato con decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509,) e successivamente mi sono iscritto all’Ordine Professionale, vorrei sapere se posso firmare tranquillamente questo tipo di lavoro. Mi è sorto il dubbio in quanto, durante un confronto con alcuni colleghi, è emerso che tale tipologia di lavoro potrebbe rientrare in Opere di Urbanizzazione Primaria, che potrebbero entrare in contrasto con il titolo di studio conseguito. A mio parere non dovrebbero esserci problemi, ma per conferma attendo un Vs parere.


Leggi tutto

Invia una domanda

Send this to a friend