Pec e Firma Digitale

Firma digitale

L'Ordine ha sottoscritto una convenzione tramite il Consiglio Nazionale degli Ingegneri per la fornitura ai propri iscritti dei kit per la firma digitale di ArubaPEC, a condizioni particolarmente convenienti.

I costi dei kit - che hanno validità triennale - sono i seguenti: kit standard € 17,50 + IVA; kit token € 19,50 + IVA; ArubaKEY € 39,50 + IVA; a queste somme è necessario aggiungere un contributo di € 3,00 + IVA per le spese di spedizione.

La convenzione prevede che ogni iscritto all'Ordine possa effettuare la richiesta del kit di firma digitale direttamente online, collegandosi all'Area Convenzioni del portale di ArubaPEC ed inserendo il codice convenzione FDING1793 (oppure utilizzando il link diretto).

Una volta selezionato l'Ordine di appartenenza e il tipo di kit desiderato, si dovrà completare la procedura registrandosi come utente Aruba ed effettuando il pagamento: si può pagare direttamente online, con carta di credito, oppure registrare i dati del bonifico.

Il kit di firma digitale sarà inviato all'Ordine di appartenenza: l'iscritto potrà ritirarlo in segreteria sottoscrivendo i moduli di richiesta pre-compilati.

 

PEC

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha comunicato che, a partire dal giorno 1 dicembre 2013, tutte le caselle PEC non ancora attivate da parte dei singoli beneficiari del servizio, verranno definitivamente cancellate dal sistema.

l CNI ricorda inoltre di aver stipulato una convenzione con Aruba PEC SpA in base alla quale tutti gli iscritti possono ottenere l'assegnazione gratuita di un indirizzo @ingpec.eu, come riportato nella circolare CNI 21/10/2009 n. 273, consultabile sul sito tuttoingegnere.it.

Si invitano pertanto tutti gli iscritti che non avessero ancora provveduto ad attivare la PEC e che vogliono usufruire della convenzione CNI-Aruba Pec con l'Ordine, a presentare alla segreteria dell'Ordine all'indirizzo protocollo.ordingca@gmail.com la richiesta per il ritiro delle proprie credenziali e successivamente di provvedere all'attivazione.

Si ricorda inoltre che il Decreto Legge n. 185 del 2008, successivamente convertito nella legge n. 2 del 28.1.2009, ha introdotto per i professionisti l’obbligo di comunicare ai rispettivi ordini il proprio indirizzo di posta elettronica certificata. Il mancato adempimento di tale obbligo, che pone l’Ordine nella condizione d’inosservanza della legge, verrà valutato come comportamento disciplinarmente rilevante.

 

 

Powered by Di-SiDE
Go to top