Infrastrutture: Gestione e smaltimento del materiale di scavo

32 milioni di metri cubi di terra e rocce nei prossimi dieci anni. Ci si potrebbero riempire 100 stadi Sant’Elia. È questa la stima di Università di Cagliari e Arpas sulla mole di materiale di scavo che sarà necessario gestire a seguito della costruzione delle infrastrutture della Sardegna nel prossimo futuro. Per la gestione di questo materiale, problema che risulterà fondamentale in chiave di sostenibilità ambientale delle opere, d’ora in avanti si dovranno fare i conti con una nuova normativa, in vigore dal 25 agosto scorso.

Per supportare tecnici e addetti ai lavori nell’affrontare il cambio normativo l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Cagliari haorganizzato un incontro dal titolo ”Gestione terre e rocce da scavo. Norme, tecnologie e casi di studio”. Il convegno, previsto per domani venerdì 29 settembre nell’Aula Magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura, in via Marengo, 2, a Cagliari a partire dalle ore 8.30, si propone di discutere gli aspetti di una gestione razionale, ordinata e trasparente delle terre e rocce da scavo, al fine di ridurre sia i volumi sia le superfici destinate alla trasformazione dei materiali vergini e all’abbancamento di quelli scartati, limitando i costi e l’impatto dei mezzi di trasporto sulla viabilità ordinaria. L’auspicio è quello di raggiungere anche in Italia quote di riutilizzo paragonabili al nord Europa che si attestano mediamente al 65%.

All’incontro, introdotto dagli interventi del Vice Preside Facoltà Ingegneria e Architettura dell’Università di Cagliari Carla Seatzu e dai saluti dell’assessore regionale ai Lavori Pubblici Edoardo Balzarini e del Sindaco della Città Metropolitana Massimo Zedda, prenderanno parte anche il docente UNICA Mauro Coni e il vice presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari Gianluca Cocco.

Nel corso della mattinata di studio verranno presentati casi di studio da Silvia Portas (docente Università di Cagliari), Francesco Ruggieri (ANAS), Alessandro Murgia (Assessorato Ambiente Regione Sardegna), Roberto Dessì (ARPAS), Rosanna Carcangiu (Assessorato Ambiente Regione Sardegna). Alla tavola rotonda conclusiva parteciperanno esperti e tecnici del settore.

Agli ingegneri partecipanti al convegno saranno attribuiti 2 CFP ai sensi del regolamento per la formazione continua.

L’incontro si terrà domani, venerdì 29 settembre nell’Aula Magna della facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università di Cagliari in via Marengo 2 a partire dalle ore 8.30

 

Iscrizioni

Data: 
Venerdì, Settembre 29, 2017 - 08:30
Powered by Di-SiDE
Go to top