Prevenzione e gestione delle emergenze: La Federazione degli Ordini Sardi istituisce le Sezioni operative IPE

Data di pubblicazione: 
Lunedì, Settembre 25, 2017

 

Oltre 400 professionisti hanno offerto la propria disponibilità, 133 ingegneri e 45 geologi sono stati fattivamente coinvolti a supporto della protezione civile, 300 verifiche dei danni al patrimonio, 240 schede per un ammontare complessivo di oltre 3 milioni di euro nell’area di Olbia. 18 Squadre nel Medio Campidano su 12 comuni. 37 ingegneri e 16 geologi nelle provincie di Nuoro e Oristano.

 

Sono i dati che riassumono quanto fatto dai tecnici nel 2013, a seguito dell’ultimo grande fenomeno alluvionale. I numeri danno un’idea di quanto sia fondamentale l’apporto dato dai tecnici prima, durante e dopo le emergenze: la capacità di prevedere i fenomeni e la rapidità di reazione possono infatti fare la differenza tra il fare i conti con soli danni materiali o con la perdita di vite umane.

 

Per questo, al fine di uniformare al resto d’Italia e rendere maggiormente efficaci le procedure e le modalità di attivazione degli Ingegneri in tutta l’Isola, la Federazione Regionale degli Ordini della Sardegna ha definito un Protocollo di Intesa con la Direzione Generale della Protezione Civile della Regione Sardegna. Grazie all’intesa raggiunta, sono state istituite anche nella nostra Isola le sezioni operative regionali dell’I.P.E. l’associazione Ingegneri per la Prevenzione e le Emergenze già attiva a livello nazionale.

 

L’iniziativa verrà presentata nel Capoluogo martedì 26 settembre in via Tasso 33, a partire dalle ore 15, nella Sala Formazione dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari nel corso del primo dei 4 seminari organizzati dalla Federazione degli Ordini degli ingegneri regionali in collaborazione con la Direzione Generale della Protezione Civile della Regione Sardegna. All’evento, introdotto dagli interventi del presidente OIC Gaetano Nastasi, del Vicepresidente Vicario CNI Gianni Massa e di Graziano Nudda, direttore dipartimento Protezione Civile della Sardegna, interverranno il direttore del Servizio previsione rischi e dei sistemi informativi, infrastrutture e reti Paolo Botti, il direttore del Servizio pianificazione e gestione del e emergenze Maria Antonietta Raimondo, il presidente dell’IPE Patrizia Angeli, il delegato per il Consiglio autonomie locali Antonio Belloi e il consigliere IPE Mario Mureddu.

 

Gli altri incontri si svolgeranno il 27 settembre a Sassari, preceduto nella mattina dall’incontro con gli studenti dell’Istituto Tecnico Industriale “G. M. Angioy” organizzato per presentare il progetto sulla sicurezza indirizzato ai ragazzi delle scuole superiori “ProNTI” (Protezione Nella Tua Isola), il 3 ottobre a Oristano e il 4 ottobre a Nuoro.

 

 

L’elenco professionisti per l’emergenza

 

In attuazione di quanto previsto dalla normativa nazionale, inoltre, è stato predisposta la costituzione di elenco provvisorio di professionisti volontari subito disponibili all’intervento in caso di chiamata post calamità naturale.

Gli iscritti nell’elenco, operativi su base volontaria, forniranno collaborazione professionale finalizzata al censimento e alla catalogazione dei danni, alla valutazione dell’entità di eventuali fenomeni di dissesto, all’individuazione di situazioni ambientali potenzialmente pericolose per l’incolumità di persone o cose, nonché al riconoscimento delle azioni da porre in essere per la messa in sicurezza, anche temporanea, delle persone e delle cose.

 

L’elenco Regionale dei professionisti volontari sarà periodicamente aggiornato in relazione alla predisposizione di specifici corsi di formazione.

 

Il programma dell'incontro

Powered by Di-SiDE
Go to top