Rpt: Il 30 giugno Cagliari un seminario tecnico in materia di Antincendio. E nel pomeriggio il punto sull’attività della Rete.

Data di pubblicazione: 
Martedì, Giugno 27, 2017

Una giornata di studio e approfondimento sui temi legati alla prevenzione e alla lotta agli incendi e un’occasione per fare il punto sull’attività della Rete delle Professioni Tecniche in Sardegna. Venerdì 30 giugno a partire dalle ore 9 fino alle 17.10 (con una pausa dalle 13 alle 15) nel Centro Congressi della Fiera di Cagliari, il Collegio periti industriali e periti industriali laureati cittadino assieme alla Rete delle Professioni Tecniche della Sardegna hanno organizzato un Seminario Tecnico riconosciuto dalla Direzione regionale dei Vigili del Fuoco e valido quindi per l’aggiornamento dei professionisti antincendio. A partire dalle 16.20, nell’ultima sessione della giornata è stato poi approfondito il tema dell’attività della RPT della Sardegna con la partecipazione di tutte le anime della Rete e il collegamento con il coordinatore nazionale Armando Zambrano.

 

Il Programma

Nel corso della prima parte dell’evento, la mattina, si sono susseguiti gli interventi tecnici con le relazioni di Massimo Deplano, ingegnere del Comando Provinciale VVF che ha parlato di edifici di civile abitazione, di Antonio Giordano, direzione regionale VVF che ha approfondito il tema della prevenzione degli incendi per le strutture ricettive ed alberghiere, di Renato Cardia, del dipartimento nazionale VVF che tratterà il tema della progettazione, costruzione ed esercizio delle attività commerciali.

Dopo la pausa caffè, dalle 11.30 il seminario ha ripreso con le relazioni di Alberto Maiolo, della direzione regionale VVF Friuli Venezia Giulia che è intervenuto sulle regole antincendio per le autorimesse, di Fabio Dattilo, direttore interregionale Veneto TAA sul Nuovo Codice di prevenzione incendi, e di Luciano Cadoni, comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Cagliari.

La giornata di studi è continuata quindi dalle ore 15. Alessandro Ramazzotti, amministratore unico di Abbanoa, ha fatto il punto sulla carta servizi dell’azienda dell’acqua, quindi Giorgio Marracini, direttore Spresal, ha parlato della disciplina sanzionatoria in materia di lavoro. Ha chiuso la seconda parte Renato D’Agostin, vice presidente CNPI che ha parlato del ruolo del professionista nella prevenzione incendi.

Come detto, la terza e ultima parte della giornata, a partire dalle 16.20 è stata dedicata alla Rete delle Professioni Tecniche della Sardegna e alla sua attività. Gli interventi sono stati condotti da tutte le componenti della rete, dalle Commissioni, rappresentate da Alessandro Martini, geometra, e da Alberto La Barbera, ingegnere, alla componente formativa, con Marcello Porceddu, per la Scuola di Formazione OIC, e Enrica Tuveri, Chimico. Sono intervenuti quindi Luca Sanna, ingegnere dell’osservatorio di Cagliari e Gabriele Costa, agronomo dell’osservatorio di Pula.

Alle 17 il collegamento in diretta con il coordinatore nazionale della Rete, Armando Zabrano. Ha chiuso i lavori Cristiano Erriu, assessore agli enti locali, finanze e urbanistica della Regione Sardegna.

I crediti

La partecipazione al convegno della mattina (dalle 9 alle 13) ha dato diritto a ottenere 2 CFP (convegno) agli ingegneri e 4 ore di aggiornamento per i professionisti iscritti agli elenchi del Ministero dell'Interno.

La partecipazione al convegno del pomeriggio (dalle 15 alle 17) invece, è stata valida per l'acquisizione di 1 CFP.

Per agevolare la registrazione dei partecipanti e per il rilascio di un eventuale “Attestato di presenza” le tre segreterie che saranno allestite al piano terra del centro congressi sono fornite di un sistema di riconoscimento attraverso la Tessera Sanitaria.

 

Powered by Di-SiDE
Go to top