Leggina di manutenzione pubblicata sul Buras

Data di pubblicazione: 
Venerdì, Luglio 7, 2017

«La stesura della L.R. 11/2017 è un chiaro esempio di riuscita collaborazione tra istituzioni pubbliche e società civile». Questo il commento della commissione Edilizia Privata dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari il giorno dopo la pubblicazione sul Buras della leggina “di manutenzione” della normativa urbanistica. «All’indomani della entrata in vigore della Legge Regionale 8/2015 – spiegano i componenti della commissione Alberto La Barbera, Luca Sanna, Pierluigi Locci e Marianna Fiori – la Rete delle Professioni Tecniche della Sardegna aveva chiesto immediati correttivi ad un testo che, per come era stato articolato, faceva nascere dubbi interpretativi e non raggiungeva appieno lo scopo prefisso di semplificare e agevolare le attività edilizie di riuso e recupero del patrimonio esistente».

Oggi, dopo un impegnativo processo di concertazione tra la Regione, i Professionisti e le Associazioni di Categoria, culminato con l’audizione in VI Commissione del Consiglio Regionale, è finalmente venuta alla luce una norma che favorisce la riqualificazione del costruito semplificando alcune procedure edilizie e, nel contempo, persegue il tanto auspicato contenimento del consumo del suolo. In particolare le nuove norme sulle manutenzioni straordinarie e sui cambi di destinazione d’uso nei nuclei urbani consolidati consentono una maggiore flessibilità negli interventi di adeguamento edilizio. Vengono infine ulteriormente potenziate le responsabilità dei professionisti nel procedimento autorizzativo con l’istituto della autocertificazione nelle Segnalazioni Certificate d’Inizio Attività e Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata, lasciando alle sole nuove costruzioni l’obbligo del Permesso di Costruire.

«All’Amministrazione Comunale – conclude la commissione OIC – rimane l’onere del controllo del processo amministrativo e della vigilanza nel territorio. Nell’accogliere con soddisfazione l’approvazione della nuova norma edilizia auspichiamo che questa laboriosa ma produttiva collaborazione tra Legislatore, Istituzioni, Ordini professionali, Associazioni di Categoria e Cittadini possa efficacemente continuare anche nell’ambito dell’attività dell’Osservatorio regionale per l’Urbanistica e l’Edilizia la cui attivazione è prevista dall’art. 17 della legge 11/2017».

Powered by Di-SiDE
Go to top