Legge Regionale n°8/2015: criticità e soluzioni nel convegno della Rete delle Professioni Tecniche

Data di pubblicazione: 
Martedì, Aprile 12, 2016
RPT-EVENTO

Una proficua mattinata di confronto sull'impatto della nuova normativa regionale sul comparto edilizio e sulle possibili proposte di modifica avanzate dalla Rete delle Professioni Tecniche. Questa mattina a Oristano i rappresentanti dalla Rete, delle istituzioni e degli operatori economici hanno partecipato ad un incontro di studio sull'argomento all'interno dell'auditorium gremito di professionisti dell'istituto L. Mossa.

Durante la mattinata di studio, il coordinatore commissione edilizia privata RPT Alberto La Barbera,  dopo una breve introduzione al mondo della Rete delle professioni ha illustrato le attività svolte negli ultimi due anni. In ultimo ha illustrato le attività di istituzione degli osservatori comunali auspicando la creazione anche di un osservatorio regionale. Uno strumento le cui potenzialità sono state messe in luce anche dall'assessore all'urbanistica del comune di Quartu Maurizio Congiu e dal sindaco di Nuoro Andrea Soddu  che hanno inoltre sottolineato come  gli osservatori siano uno strumento indispensabile vista la complessità insita nella normativa urbanistica e edilizia.

Successivamente il delegato dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari Luca Sanna ha illustrato il documento di analisi della legge 8 mettendo in luce le criticità emerse nei mesi di applicazione della legge entrata in vigore il 30 aprile scorso. 

Ha preso quindi la parola l'assessore regionale all'urbanistica Cristiano Erriu. Dopo aver illustrato il nuovo testo unico sull'edilizia, Erriu ha assicurato che nelle prossime settimane la giunta produrrà un documento sulle questioni messe in risalto dai professionisti. L'assessore ha citato il tavolo tecnico già attivato con la RPT per la revisione della legge 8 e si è impegnato ad attivare un analogo tavolo tecnico per l'esame della nuova legge urbanistica di cui ha presentato in anteprima l'impostazione. "Veniamo da un sistema barocco che genera incertezza ancora oggi. Abbiamo fatto una legge di riforma degli enti locali. Faremo un testo articolato di più di 100 articoli che costituirà la nuova legge urbanistica. Ci sarà una semplificazione nelle procedure che porterà alla copianificazione sin dalla fase iniziale di progettazione di piano" ha detto Erriu.

Nel suo intervento, il direttore generale dell'assessorato all'urbanistica Elisabetta Neroni ha evidenziato come le richieste avanzate dalla Rete siano state esaminate ed accolte "al 97 per cento" dagli uffici: si tratta ora di seguire l'iter politico. 

La mattinata è proseguita con gli interventi degli esponenti della Rete La mattinata è proseguita con gli interventi degli esponenti della Rete, dai presidenti dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Sassari Mauro Pietri e di Cagliari Gaetano Nastasi ai presidenti del collegio dei Geometri di Cagliari Maurilio Piredda, e Oristano Fulvio Deriu. Sono intervenuti ancora i presidenti dell'ordine dei periti di Oristano Fabiana Casula, e di Cagliari Marco Fanutza. A chiudere la mattinata le relazioni del presidente della federazione ingegneri Vincenzo Cuccuru, di Marcello Caredda, presidente degli agronomi di Nuoro e di Gianni Massa, rappresentante del Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

Nei loro interventi, gli esponenti della RPT hanno richiamato la necessità di una semplificazione delle norme vigenti e del confronto costante tra gli operatori, i professionisti e le amministrazioni, unica chiave per una applicazione corretta e coerente delle leggi nell'interesse del cittadino e della collettività. Tutti gli operatori, specialmente gli amministratori hanno sottolineato l'importanza di uno strumento come gli osservatori e ne hanno proposto il potenziamento anche rispetto alle funzioni delineate nella proposta della stessa Rete.

 

 

 

Powered by Di-SiDE
Go to top