Via ai progetti di Iscol@: un'occasione importante, una sfida da affrontare insieme

Data di pubblicazione: 
Giovedì, Luglio 28, 2016

Un'occasione importante, una sfida da affrontare assieme. L'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari e la Rete delle Professioni Tecniche della Sardegna confermano il supporto al progetto Iscol@ e l'apprezzamento manifestato sin dalla sua presentazione nel 2014. 

Risulta fondamentale però, a questo punto, che la Regione potenzi la struttura di missione prevedendo risorse negli uffici tecnici di ciascuna unione dei comuni e creando organismi più piccoli per ogni polo scolastico, in modo che sui territori ci siano le competenze e le professionalità per valutare i progetti, guidare la fase realizzativa e occuparsi della gestione delle nuove strutture. Sarà quindi necessario lavorare assieme per l'animazione, il coinvolgimento del tessuto sociale locale e la promozione dello sviluppo economico del territorio.

«Iscol@ è un progetto innovativo, ambizioso - ha sottolineato Gaetano Nastasi, intervenendo oggi durante la tavola rotonda tenuta al Teatro Massimo nella sua doppia veste di presidente di OIC consigliere della RPT -. Sarà una sfida innanzitutto per i progettisti, ma sarà importante che regione, enti locali, professionisti interni alla PA, dirigenti scolastici, cittadini e università svolgano ciascuno con cura il proprio ruolo e la propria parte nel programma».

Molto importante inoltre, secondo i tecnici, che si sia usciti dalla logica della gestione quotidiana dell'emergenza lavorando ad un'idea di sviluppo del territorio coerente e centrata sui bisogni reali. 

Ottime, in prospettiva, le ricadute sul mondo delle professioni visti gli oltre cento concorsi di progettazione annunciati per i prossimi mesi. Molto positivo, in particolare, l'utilizzo dello strumento del concorso di progettazione e la scelta di istituire elenchi regionali di professionisti da cui attingere per formare le commissioni di gara. Questo stimolerà la diffusione di un approccio innovativo all'esercizio della professione, la nascita di team multidisciplinari, che potranno investire tempo e risorse senza lo spauracchio di dover partecipare a una gara in cui si viene giudicati sulla base di una relazione metodologica e non sulla idea progettuale.

Dagli interventi di sindaci, dirigenti scolastici e professionisti nel corso della tavola rotonda sono emersi il grande coinvolgimento e la passione con cui tutti si sono immersi nel progetto Iscol@. «Con la pubblicazione dei primi bandi - ha concluso Nastasi -, questa passione dovrà trasformarsi in amore, cura quotidiana, attenzione per la ricerca delle risorse economiche e umane. Soltanto così questi progetti saranno concretamente realizzabili e daranno le ricadute attese sul territorio».

Powered by Di-SiDE
Go to top